RECENSIONE: Levy – Light blue (Layell Label, 2018)

Light Blue è il nuovo album della band marchigiana Levy. La band, fondata da Matteo Pagnoni e Damiano Cherchi, ha avuto dopo una bella rivoluzione che li ha portati dai testi in in lingua italiana a quella inglese e ha ricevuto ottimi riscontri e tanti riconoscimenti all’estero.

Tra i riconoscimenti c’è l’ingresso in Top Ten di radio radio Indie Alliance, piattaforma che comprende alcune radio internazionali. Inoltre continuano a ricevere numerosi passaggi radiofonici nel Regno Unito: da Beautiful monsters a Jamie, primi due singoli usciti durante il 2018 e contenuti nell’album pubblicato a fine 2018 dopo il tour nel Regno Unito che li ha visti impegnati per tutta l’estate. Come sopra citato, nell’album sono contenute Beautiful monsters e Jamie uscite nel 2018 e spiccano tra le canzoni contenute nell’album. L’album prende il titolo dalla canzone che apre questo ultimo lavoro della band e che , come dichiarato dallo stesso Pagnoni, ha scritto dopo la nascita della figlia. Altra canzone assolutamente da ascoltare è Real flowers, canzone fondamentale per la riuscita di questo nuovo lavoro della band.

levy-light-blue-disco

Possiamo dire che l’album è più di una semplice raccolta canzoni; rasenta l’idea di concept album, un concept album che potrebbe essere dedicato un po’ alle battaglie di tutti i giorni come sono cantate nella seconda traccia intitolata “The battle of everyday”Un sound fortunatamente fuori dai canoni italiani dove spadroneggiano i progetti artistici di tendenza. Una band da tenere sicuramente d’occhio. Non ci è sembrato, ascoltando anche il debut album “Bonfires” che facciano canzoni senza una chiara visione e che, anzi, lanciano un chiaro messaggio attraverso un sound ben equilibrato.
Guardando anche su Spotify tra i due album pubblicati dai Levy, “Bonfires” e “Light Blue” e i singoli, la band è riuscita a dimostrare una grande dedizione alla musica fatta seriamente grazie ad una grande preparazione musicale e nei testi che non hanno nulla da invidiare ai grandi della musica.

Ti piace Just Kids? Seguici su Facebook e Twitter!

Comments

comments