RECENSIONE: Roberto Zanetti – Mother Afrika (Comar23 Edizioni Musicali, 2021)

Recensione di Elisa Rossi

Le origini del jazz, l’amore per l’Africa, un omaggio a figure femminili come Rosa Parks, Katherine Johnson, Nina Simone.

Volevo iniziare la recensione di quest’album in maniera diversa, ma non ce l’ho fatta.

Le origini del jazz, l’amore per l’Africa. Mi soffermerei su queste due descrizioni, due piccole frasi che racchiudono all’interno un’infinità di mondi, esattamente come questo concept album, stiamo parlando di Mother Afrika di Roberto Zanetti.

MotherAfrika – RobertoZanetti Quartet

La prima volta che l’ho ascoltato ne sono rimasta estasiata: elegante, dinamico, con l’animo l’autore stesso riporta nelle parole che usa per descrivere la costruzione dell’album e la radice della cultura afroamericana:

“canti africani, che si sono poi sviluppati attraverso i gospels, gli spirituals, il blues, il funk fino ad arrivare alle nuove forme espressive contemporanee. Ho elaborato per Mother Afrika una scrittura e una pronuncia attuale ed orecchiabile”

Esattamente orecchiabile. Talmente tanto che non vorresti più allontanare le tue orecchie da quei suoni.

Roberto Zanetti

In questo caso, il viaggio che facciamo insieme alle note non lascia molto spazio ad una fantasia individuale, ma ti invita a conoscere e ripercorrere la storia di quattro grandi donne: Wilma Rudolph, Rosa Parks, Katherine Johnson, Nina Simone.

La loro storia è raccontata in maniera magistralmente astratta, ed è lì che possiamo dare spazio alla fantasia, è lì che possiamo ipotizzare di correre con Wilma per cambiare il mondo, oppure andare a manifestare per i diritti civili con Rosa, oppure contribuire allo sviluppo dell’aeronautica e dei programmi spaziali statunitensi con Katherine o ascoltare dal vivo quella voce straordinaria di Nina.

Roberto Zanetti Quartet

Ancora una volta, la musica riesce a farci percepire mondi e realtà completamente lontane, nuove e… meravigliose?

64 minuti di un ritmo che il corpo non può non seguire, anche solo con l’andamento della testa e nota dopo nota, storia dopo storia, vorresti soltanto che questo viaggio non trovasse la fine, perché è descrittivo, è leggero, ed è bello, tanto bello.

 

Roberto Zanetti – Mother Afrika

MotherAfrika – RobertoZanetti Quartet

CREDITS

Roberto Zanetti: piano
Valerio Pontrandolfo: tenor sax
Luca Pisani: duble bass
Massimo Chiarella: drums
Nicolò Sordo: reciting voice

TRACKLIST

01. Mother Afrika (intro)
02. Bud’s Power
03. Black Boy
04. Ballad For Afrika
05. Wilma Rodolph
06. Jungle Mood
07. Rosa Parks
08. Nina
09. Katherine Johnson
10. La Concha
11. Avalon Blues
12. Mother Afrika (ending)

INFO E CONTATTI

Comar23 Edizioni Musicali

per acquisto copie Mother Afrika:
https://www.facebook.com/comar23edizionimusicali

Roberto Zanetti – YouTube

 Ufficio stampa: Synpress44

 

 

4 thoughts on “RECENSIONE: Roberto Zanetti – Mother Afrika (Comar23 Edizioni Musicali, 2021)

  1. Musica che ti fa chiudere gli occhi e ti fa venir il mal d’Africa, colori, profumi e ritmi tribali che magistralmente il pianista ha messo insieme. Disco da non perdere. Grazie zizzi.

  2. Veramente un gran disco . La creatività compositiva di Roberto Zanetti si rinnova ogni volta e ogni suo nuovo disco è sempre una sorpresa .

Rispondi a JustKids Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.