RECENSIONE: Lorenzo Capello – Il partenzista