RECENSIONE: Ero – Fermoimmagine