RECENSIONE: Psicosi Di Massa – Sentimenti Estremi E.P. (2017, autoprodotto)

Recensione di Gustavo Tagliaferri

Generazioni che fanno tesoro di esperienze passate e presenti condensandole in un nuovo nucleo, che non sia ricollegabile alla classica superband. Una situazione che non è certamente nuova in merito, ma che in più occasioni ha dato prova di come certe idee si siano sviluppate seguendo un filo conduttore pertinente ed anche per questo sono risultate di tutto rispetto. Setacciando in un certo sottosuolo romano è evidente come questo modus operandi sia l’humus da cui gli Psicosi Di Massa prendono forma, nel nome di cinque personalità accomunate da un unico avvezzo, quello di costruire, costruire e costruire, senza rimanere adagiati sugli allori. “Sentimenti Estremi” è un E.P. che come biglietto da visita dà una chiarissima idea dell’intento collettivo, fatta di ossature rock, ramificazioni new wave e venature post-punk: vi è la coesione tra la rabbia dei Faith No More e l’introspezione virulenta dei primi Killing Joke che graniticamente irrompe, con tanto di ossessivo mantra, ne La razza umana come vi è un’apparente distensione che comporta una maggiore vicinanza ai Cure di “Seventeen Seconds”, come dimostra La causa della guerra, entrambe favorite da una sinergia chitarra-synth (rispettivamente Aldo Vallarelli ed Andrea Fiaschetti) assai riuscita, ma non ci si esime dal risultare lievemente burleschi quando c’è da occhieggiare inizialmente ad un flow da strada, almeno fino a quando non lo si sublima nel crossover per poi virare verso ispirazioni screamo (Quello che siamo), oppure dall’inserire in un contesto prettamente punk i Jesus Lizard dell’epoca “Nub” (Paralisi), e proprio questi ultimi, non a caso, giocano un’ulteriore parte, sospesa tra declamazioni à la Massimo Volume ben rese dal cantante Andrea Audino, in uno stacco che, con meno distorsioni, adorna il brano che meglio sintetizza il succo del lavoro ed equilibra ogni singola influenza, Anima, in certi punti memore di una Firenze allora nel pieno sviluppo di sé. “Sentimenti Estremi” risulta alla luce di tutto ciò un’entrata in scena molto piacevole e coinvolgente, che comporta come le energie degli Psicosi Di Massa non siano solo tutt’altro che sprecate, ma facciano venire una crescente voglia di sentire ancora di più. E forse non ci vorrà nemmeno molto.

a0882881771_10Psicosi Di Massa – Sentimenti Estremi E.P.
(2017, autoprodotto)

1. La razza umana
2. La causa della guerra
3. Anima
4. Paralisi
5. Quello che siamo

Ti piace Just Kids? Seguici su Facebook e Twitter!

Comments

comments