LIVE + PHOTO REPORT : Trentemøller @ magazzini generali [MI] – 25/9/2014

Recensione di Francesca Vantaggiato

Anders Trentemøller è passato da poco in Italia a presentare il suo terzo album Lost (settembre 2013, In My Room) e si è fermato anche ai Magazzini Generali di Milano. Noi c’eravamo e possiamo sintetizzarlo così.

Astronavi. La musica di Trentemøller non sembra appartenere al presente, piuttosto sembra essere proiettata in un futuro fatto di navicelle spaziali, fasci di luce e note, flussi senza più corpi. I suoni che escono dalle casse sono veramente minimali ed essenziali, ma pure intrecciati in trame elaboratissime e preziose, al punto che il rituale accostamento con la deep-house sembra assolutamente riduttivo. Si sente che dietro ogni combinazione di suoni c’è un gran lavoro di ricerca, sperimentazione e voglia di superare la pura e semplice musica elettronica. Qualcuno l’ha chiamata microhouse, proprio per la riduzione ai minimi termini e la precisione nei dettagli sonori. Ma c’è dell’altro: ci sono i bassi pesanti dell’underground britannico; c’è il martellare della techno; c’è la delicatezza delle melodie nord europee. Mettici pure che i Magazzini Generali di Milano hanno un’ambientazione decisamente post-moderna, con pareti altissime e tubi di acciaio a vista: Trentemøller là dentro ci stava troppo bene. Astronavi = Gravity, traccia #2 dell’album.

Tamburello. Il nostro Trentemøller, diversamente da come fanno di solito i suoi colleghi dj, non si è presentato sul palco tutto solo, con le cuffie messe per storto sulla testa e lo sguardo da nerd sui piatti della consolle. Contrariamente a quello che si vede di solito, si è esibito insieme a una una vera e propria band composta da basso, due chitarre e batteria, a cui si è unita la voce della cantautrice danese Marie Fisker. Potete mai immaginare di andare a una serata di elettronica e ritrovarvi a guardare dei musicisti sul palco che agitano tamburelli e maracas? Beh, questo è quello che è successo: insieme o separatamente, si sono messi a suonare qualche strumento, lo stesso Trentemøller ha mollato più volte i dischi per shakerare il tamburello. Tutto ciò, unito alla voce della Fisker, ha dato un tocco umano alla musica, un senso di calore e di sentimento totalmente inauditi per un concerto di questo genere. Lo stesso Trentemøller si presenta come un dj fin troppo umanizzato, col suo cappello da passeggio, suona e sorride, lascia la band per avvicinarsi al pubblico e battere le mani all’unisono, visivamente sincero, divertito e felice. Tamburello = Constantinople, traccia #11 dell’album.

Cattiveria. La cosa più strana, però, non erano neanche i tamburelli. Quello che davvero ci ha sconvolto è stata la cattiveria che trasudava da quella musica. I bassi erano talmente potenti che ti scuotevano profondamente, facendoti uscire il cuore dal petto. La batteria è stato veramente un tocco da maestro, perché ti entrava fino nel cervello, martellante come colpi di mitra. Sul palco c’era gente che scuoteva maracas e nel frattempo l’onda sonora era talmente aggressiva da spostarti di qualche metro, mentre il pavimento sotto i piedi sembrava cedere e aprirsi. Cattiveria= Still on fire, traccia #3 dell’album.

Anni 80. Pur essendo proiettata in un futuro lontano di astronavi e particelle, la musica di Trentemøller ha radici piantate in un momento ben preciso della storia: gli anni Ottanta. Me lo posso immaginare adolescente, chiuso nella sua stanza ad ascoltare Giorgio Moroder, i Krafwerk e Derrick May. E la massa di over 40 presente al concerto ne è la prova.

Purtroppo. Ma come cazzo si fa a far suonare Trentemøller di giovedì sera alle 21.30? Parlo seriamente: alle 22.45 era tutto finito. Siamo uscite dai Magazzini Generali con la voglia di farci un aperitivo. Ma siccome siamo povere, ci siamo prese la solita birra dal kebabaro.

Altri photo report di Noemi

Ti piace Just Kids? SeguicisuFacebook e Twitter!

Comments

comments