LIVE+PHOTOREPORT: ALTRE DI B @ OHIBÒ [MI] – 15/01/2015

Recensione di Francesca

Bello, bello, bello.

Il concerto degli Altre di B all’Ohibò è stato proprio bello. Un live appassionato, esagerato e anche commovente. La sala era piena di gente, c’erano tanti amici della band, molti fan e c’era anche chi non li aveva mai sentiti nominare. Hanno fatto il pienone, palese dimostrazione del riconoscimento e dell’affetto sincero da parte di chi li ama e se ne frega del fatto che sia giovedì e che il giorno dopo si lavori, magari in ufficio e magari alle 8.30 di mattina.

Eravamo tutti esaltati, sia la band che noi sotto il palco, e l’apice del coinvolgimento si è raggiunto con Sherpa, seconda traccia del loro ultimo disco Sport (Gente Bella, La Pioppa Recors, 2014). Non ci sono dubbi che con questo brano gli Altre di B abbiano proprio fatto il botto, perché è una canzone perfetta nel ritmo, nel sound, nel testo: ognuno di noi sta scalando il proprio Everest di cui non importa niente a nessuno, e lo abbiamo gridato forte insieme a loro. L’ala sinistra del pubblico continuava a chiamare a gran voce Supermario (ultima traccia del loro primo disco There’s a million better bands del 2011) e infatti quando è partita la canzone c’è stato il delirio generale.

Li ho osservati tutta la sera, perché mi incuriosivano parecchio: erano concentratissimi sui loro strumenti, ma si stavano divertendo da matti e si stavano godendo in pieno lo stage e il loro pubblico. Continuavo a chiedermi: ma quanto avranno provato e riprovato e riprovato per arrivare a tutto questo? E anche: ma come fanno a saltare così in alto e intanto cantare e suonare contemporaneamente?

Quello all’Ohibò è stato il loro primo concerto del 2015 e ha testimoniato un qualcosa che, a mio parere, ogni band si augura per la propria carriera: catturare l’attenzione e l’interesse di persone che non ti abbandonano dopo il primo disco, ma che crescono in numero e si diffondono geograficamente anche dopo il secondo album. Credo non ci sia niente di più soddisfacente di essere una piccola band bolognese, arrivare a Milano e vedere gente sconosciuta che canta le canzoni che tu stesso hai scritto in due diversi album. Vuol dire che stai facendo bene.

Foto di Maria Elisa Milo

Ti piace Just Kids? Seguici su Facebook e Twitter!

Comments

comments