INTERVISTA TRIPLA & PHOTO GALLERY: MARTA SUI TUBI, FAST ANIMAL AND SLOW KIDS, MANAGEMENT DEL DOLORE POST OPERATORIO

Abbiamo intervistato i Marta sui Tubi, i Fast Animals and Slow Kids e il Management del Dolore Post-Operatorio al Nessun Dorma Guidonia Rock Fest, il festival a pochi chilometri da Roma che ha ospitato alcuni tra i maggiori nomi della musica indipendente italiana attuale, per mettere a confronto tre diverse visioni del panorama musicale odierno.

di Francesca Amodio / Ph: Simona Isacchini

Che ne pensate della musica di protesta, oggi tanto in voga?
Marta sui Tubi: Indubbiamente non si può rimanere indifferenti di fronte ad accadimenti importanti, e visto che il musicista ha il “potere” di avere un microfono attraverso cui dire la sua, indipendentemente dall’appoggio o meno del suo pubblico, ha il dovere di farlo. Personalmente noi l’abbiamo sempre fatto, pur non essendo mai stati troppo politicizzati.

Fast Animals and Slow Kids: Se il musicista in questione fa politica nella vita, è un militante, un attivista, comunque uno impegnato socialmente e politicamente nel concreto e nel quotidiano, allora è in diritto di doverne parlare, altrimenti no: non risulterebbe credibile agli occhi del suo pubblico.

Management del Dolore Post-Operatorio: Sicuramente è un bene che alcune band si pongano come veicolo di alcuni messaggi, ma di certo non è una cosa che sono tutti in grado di poter fare. Sembrerà impopolare, ma su questo tema la canzone è una forma inferiore d’arte: cosa può una canzone di fronte ai disastri che accadono? Nulla, ma allo stesso tempo è sempre dal popolo, e quindi anche dai musicisti, che sono partite le proteste, e niente come un concerto è luogo di scambio in questo senso.

Cosa significa per voi essere musicisti indipendenti?
Marta sui Tubi: Essere indipendenti oggi è una questione tanto importante quanto difficile da attuare, perché auto foraggiare l’attività del musicista in questi tempi non è facile per niente: bisogna irrimediabilmente trovare dei buoni compromessi. Nel momento in cui riusciamo ad autoprodurci e a dire la nostra senza nessuna influenza esterna, allora siamo indipendenti da tutto.

Fast Animals and Slow Kids: Per quanto ci riguarda siamo un gruppo a cui piace fare le cose per conto proprio, per la serie “do it yourself”. Per noi quindi indipendenza vuol dire avere il totale ed assoluto controllo della nostra produzione musicale. Abbiamo la fortuna di lavorare con persone con le quali c’è un rapporto di stima e di amicizia, ragion per cui è più facile prendere decisioni su cosa fare e come farlo, e questo è fondamentale.

Management del Dolore Post-Operatorio: Molto spesso l’indipendenza è una questione mentale più che pratica, perché sappiamo tutti che superato un certo scalino essere indipendenti risulta facile a dirsi ma molto più difficile a farsi, per questo diciamo che è una questione di testa e di mentalità. Indipendente è un aggettivo che ha molte accezioni: una che può riguardarci è quella di non fare musica da leccaculi, per esempio, quel tipo di musica che permetterebbe di entrare in molti più circuiti, compresi quelli televisivi e radiofonici.

Cosa significa cantare nella propria lingua?
Marta sui Tubi: Per noi che siamo italiani cantare nella nostra lingua è fondamentale. Non potremmo fare cose in inglese per il fatto che sarebbero come “false” in partenza, non ci apparterrebbero proprio. A differenza dell’inglese l’italiano è senza dubbio più complesso, più spigoloso, ma allo stesso tempo immensamente bello e soprattutto molto musicale.

Fast Animals and Slow Kids: Significa spogliarsi di tutte le maschere e farsi capire, comunicare agli altri momenti e sensazioni senza nessun tipo di filtro. Cantare in italiano è più rischioso ma anche molto più bello, la canzone acquista una forza incredibile… Per noi è proprio una questione fisiologica, non potremmo fare altrimenti.

Management del Dolore Post-Operatorio: Significa esprimersi al meglio ed evitare di parlare in una lingua che non fa completamente parte di te e che quindi non renderebbe. Ci sono molte canzoni d’amore che sono tutte uguali, magari scritte con le stesse identiche parole, ma l’italiano ha il potere delle sfumature, e proprio l’uso di una particolare sfumatura può rendere il pezzo unico.

Ti piace Just Kids? Seguici su Facebook e Twitter!

Comments

comments