RECENSIONE DI MILES COOPER SEATON – PHASES IN EXILE – TROVAROBATO, VAGGIMAL – 2016

di Giovanni Graziano Manca

Dalla Akron family ai dischi solisti, la musica di Miles Cooper Seaton segue con costanza la sperimentazione e la ricerca di nuovi canoni musicali. Il nuovo disco del musicista californiano, Phases in exile il titolo, uscito nello scorso mese di Aprile e registrato, pensate un po’, nel nostro paese, è la dimostrazione lampante di quanto si va sostenendo. Minimale nei suoni e denso di atmosfere oniriche, frutto di riflessioni e di sguardi profondi all’interno del proprio essere, lo si intuisce fin dal primo ascolto quanto il nuovo progetto musicale di Seaton sia stato concepito, composto e definito nei dettagli con spirito da vero pioniere. “Subito prima di registrarlo,” sostiene il cantante losangelino, “avevo guidato dalla Carolina del Nord a LA, fermandomi in Arizona, nel New Mexico e nel West Texas. Poi mi sono girato, ho guidato indietro verso casa e ne ho fatto le orchestrazioni” (da RollingStone Italia ). Stregato dai paesaggi desertici delle zone visitate, Seaton si è fatto prendere dalla forza ispiratrice della natura selvaggia che certo l’uomo non può in alcun modo sovrastare. Un modo come un altro, questo, per farsi avvolgere dall’imponderabile e riflettere sul significato della presenza umana nell’universo. Le musiche peraltro, è ciò che rivela lo stesso Seaton, sono strumentali all’intendimento “di ricreare un’atmosfera sonora profonda e spaziosa che fosse funzionale alla narrazione che doveva svolgersi al suo interno” (narrazione che, appunto, sono ancora parole del californiano, è da mettere in relazione con la “tradizione poetica dell’interpretazione dell’esperienza universale attraverso l’espressione delle proprie esperienze personali” (si legga l’interessante intervista a Miles Cooper Seaton apparsa su Rumore il 4 di Maggio u.s).
Nel DNA di questo musicista/cantante sembra esserci la predilezione per certa musica d’autore americana, per la musica elettronica, il minimalismo e il rock, e i solchi del CD che vi proponiamo trasudano delle più varie reminiscenze musicali (Glass, Moby alcuni dei songwriters americani apparsi sulla scena più recentemente, e cosi via). Tuttavia la caratteristica forse più apprezzabile di questo lavoro consiste nell’aver esperito un ulteriore (riuscito, per quanto mi riguarda) tentativo di andare oltre i confini che quasi sempre separano le diverse tendenze musicali che questo autore sembra “frequentare”.


RECENSIONE DI MILES COOPER SEATON – PHASES IN EXILE
(Trovarobato, Vaggimal – 2016)

  1. Out Here
  2. Pacts with Beasts
  3. I Am That
  4. It Just Does
  5. Little Prince
  6. Persona (The Killer
  7. Division
  8. Nothing Lasts
  9. Death and the Compass
  10. Homes by the Sea

Ti piace Just Kids? Seguici su Facebook e Twitter!

Comments

comments